Relazioni sindacali nel settore del credito


Raccolta delle principali disposizioni legislative e degli accordi nazionali

di: ABI

Editore
Bancaria Editrice
Anno
2016
Pagine
92
ISBN
978-88-449-1069-3
Disponibilità
Disponibile
Prezzo Copertina € 15,00
IVA assolta dall'editore

Presentazione

Si è concluso, al termine dello scorso anno, il negoziato per il rinnovo dell'Accordo nazionale che disciplina le libertà sindacali nelle imprese creditizie, finanziarie e strumentali. 
 
La regolamentazione di questa materia ha da sempre meritato un'attenzione particolare di ABI e delle Organizzazioni sindacali, considerando anche che il settore registra un tasso di sindacalizzazione molto elevato rispetto ad altri settori produttivi.
 
Profilo di sicuro interesse è la revisione dei criteri di assegnazione dei permessi retribuiti in favore dei dirigenti sindacali nazionali e/o di strutture periferiche, privilegiando meccanismi più equilibrati e diversificati in funzione delle soglie di rappresentatività. Questo è un aspetto di grande rilevanza per le relazioni sindacali: infatti, i contratti collettivi nazionali del settore saranno negoziati soltanto con le Organizzazioni sindacali che supereranno la soglia di rappresentatività del 5%.
 
Sono state inoltre individuate soluzioni che favoriscono l'esercizio del diritto di assemblea della generalità dei lavoratori, consentendo la partecipazione anche ai lavoratori delle unità produttive minori o con particolarità di orario di lavoro.
 
Il 4 febbraio 2016 è stato completato il percorso di revisione dell'Accordo in tema di rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza sul lavoro. L'elemento di novità di maggior rilievo è costituito dalla possibilità che nei gruppi bancari di significative dimensioni venga istituita la figura del RLS di gruppo. L'accordo interviene anche sulla disciplina della formazione e dei permessi retribuiti.
 
Bancaria Editrice, considerato che tali accordi rappresentano un punto di arrivo importante in ottica di "certezza delle regole" e, considerando anche che tutte le menzionate intese scadono il 31 dicembre 2018, ha predisposto un Volume che raccoglie i relativi testi, unitamente alle principali previsioni di legge e contrattuali in materia, nonché quelle sull'esercizio del diritto di sciopero.
 
La pubblicazione rappresenta un utile compendio nel quale l'operatore troverà tutte le disposizioni di interesse in materia a supporto della quotidiana attività nel campo delle relazioni sindacali.
 

Premessa
 
Leggi
• 20 maggio 1970, n. 300 - Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell’attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento 
• 12 giugno 1990, n. 146 - Esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali 
• D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 - Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (articoli estratti)
Accordi nazionali
• Accordo in materia di libertà sindacali del 25 novembre 2015 
• Accordo sull’esercizio del diritto di sciopero del 23 gennaio 2001 
• Dichiarazione delle OO.SS. in calce all’Accordo del 23 gennaio 2001 
• Commissione per l’esperimento del tentativo preventivo di conciliazione (art. 4 dell’Accordo 23 gennaio 2001) 
• Accordo in materia di rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza del 4 febbraio 2016 
• Verbale di riunione in tema di rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza del 16 marzo 2016
CCNL 31 marzo 2015 (articoli estratti)