Bancaria n. 1/2021


Mensile dell'Associazione Bancaria Italiana

Editore
Bancaria Editrice
Anno
2021
Disponibilità
In uscita
Prezzo Copertina € 15,00
IVA assolta dall'editore

EDITORIALE - I 100 anni di Bancaria. Un grande passato per le nuove sfide / Bancaria 1921-2021. A century of Financial innovation
CONTRIBUTI - Criticità della disciplina europea in tema di crediti deteriorati / The need for urgent action on the European Npl framework
Il credito ha assunto un ruolo cruciale, nella crisi attuale, per assicurare la necessaria liquidità alle famiglie e alle imprese, colpite da shock imponenti tanto dal lato della domanda che da quello dell’offerta. In questo contesto le istituzioni europee e nazionali hanno messo in atto una serie di misure utili ad affrontare l’emergenza. Tuttavia l’imminente applicazione di alcune modifiche della disciplina europea sui crediti deteriorati, come la nuova definizione di default e la disciplina del Calendar Provisioning, rischia di limitare fortemente il sostegno delle banche all’economia e di compromettere la situazione finanziaria di clienti in condizioni di difficoltà, anche solo temporanea. È quindi necessario procedere immediatamente ad alcune modifiche e adattamenti temporanei, che consentano alle banche di offrire il massimo supporto all’economia reale, condizione per la tenuta del tessuto produttivo, anche nel medio periodo.

Credit is playing a crucial role in the current crisis in ensuring the necessary liquidity for households and businesses, hit by massive shocks on both the demand and supply sides. In this context, the European and national institutions have put in place a series of measures to deal with the emergency. However, the imminent application of changes to the European Npl framework, such as the new definition of default and the Calendar Provisioning, risks severely limiting banks' support for the economy and compromising the financial situation of customers in difficult conditions, even if only temporarily. It is therefore necessary to immediately make some changes and adaptations, which will allow banks to offer maximum support to the real economy.
CONTRIBUTI - Stefano Siglienti banchiere: sviluppo, stabilità, efficienza / Stefano Siglienti, a banker for Italy’s reconstruction and development
Stefano Siglienti fu un banchiere di assoluto spicco nell’Italia della ricostruzione e degli anni dell’alta crescita che ne seguirono. In Siglienti la dimensione pratica dell’agire era innervata dall’analisi sistematica dei processi economici, dall’individuazione di obiettivi che coniugassero sviluppo dei redditi e principi di equità. L’idea di banca a cui diede corpo, nei 25 anni in cui fu presidente dell’Imi e dell’ABI, derivava da un’ampia visione delle necessità e delle possibilità dell’economia e della società italiane, e si reggeva sulla varietà delle esperienze professionali, intellettuali e politiche. Siglienti fu parte di quella classe dirigente che, dopo la guerra, riportò l’Italia nel mondo ancorandola saldamente all’asse euro-atlantico. Il suo essere parte della comunità epistemica dei banchieri di quella fase di ricostruzione, apprezzato anche in Europa e negli Stati Uniti, ne fissò gli obiettivi: sviluppo, stabilità, efficienza.

Stefano Siglienti was an important banker in Italy’s reconstruction era and in the years of strong growth that followed. In Siglienti the practical dimension of acting was innervated by the systematic analysis of economic processes, by the identification of objectives that combined income growth and principles of equity. During the 25 years when he was President of Imi and ABI, he gave shape to an idea of banking stemmed from a broad vision of the Italian economy and society. Siglienti was part of the ruling class that, after the war, brought Italy back to the world by anchoring it firmly to the Euro-Atlantic axis. His being part of the community of bankers of the reconstruction phase set his objectives: development, stability, efficiency.
CREDITO - I Confidi maggiori verso il Fintech / Italian major Credit consortia, the drive towards Fintech
Una ricerca promossa dall’Università di Firenze e da Crif ha fatto emergere come nel corso dell’ultimo biennio la propensione a investire in ambito Fintech da parte dei Confidi maggiori sia risultata assai pronunciata, in uno scenario nel quale l’investimento tecnologico rappresenta un catalizzatore di iniziative a valenza strategica. Dai dati della ricerca traspare un’ampia consapevolezza della necessità di evitare ulteriori ritardi nel percorso di digitalizzazione in atto nell’industria finanziaria.

A research promoted by the University of Florence and Crif has shown, over the last two years, an increasing propensity by the major collective guarantee credit consortia (Confidi) to invest in FinTech projects. In a scenario in which technology seems to represent a catalyst for strategic initiatives. From the data collected emerges the need to avoid further delays in the digitization process in the financial industry.
CREDITO - Supply Chain Finance e Reverse factoring: catene del valore e liquidità delle imprese dopo la pandemia / Supply Chain Finance, Reverse factoring and firms’ liquidity after Covid-19 crisis
In un ecosistema di scambi commerciali caratterizzati da un progressivo allungamento delle filiere produttive a livello globale, si stanno diffondendo tecniche gradualmente sempre più sofisticate di Supply Chain Finance (Scf), in grado di supportare il finanziamento del capitale circolante delle imprese. Il presente lavoro offre una panoramica di tali soluzioni e dei principali attori del mercato, dedicando un approfondimento specifico al Reverse factoring, che rappresenta uno degli schemi emergenti di Scf. Oltre a descrivere il funzionamento dell’operazione, sono specificati i vantaggi per gli attori coinvolti, nonché gli aspetti critici che possono limitare la diffusione dello strumento. Il lavoro evidenzia altresì che la grave crisi economica alimentata dal diffondersi della pandemia ha coinvolto significativamente il settore della Scf. Data la natura sistemica della crisi, il rilancio dell’economia non può che passare attraverso una risposta istituzionale, in parte già attuata ma suscettibile di una maggiore articolazione, in un’ottica di ampliamento degli interventi a favore della liquidità delle imprese e di riduzione degli ostacoli alla cessione del credito.

In an ecosystem of commercial exchanges characterized by a progressive lengthening of value chains at a global level, more and more sophisticated techniques of Supply Chain Finance (Scf) are spreading, capable of improving the companies’ working capital positions. This paper offers an overview of these solutions and the main market players, dedicating a specific study to Reverse factoring, one of Scf ’s emerging schemes. The advantages for the actors involved are analyzed, as well as the critical aspects that may limit the spread of these techniques. The work also highlights that the economic crisis as a consequence of the pandemic has significantly involved the Scf sector. Given the systemic nature of the crisis, economic recovery can only go through an institutional response, partly already implemented, expanding interventions in favor of company liquidity and reducing obstacles to receivables financing.
FINANZA - Real Estate sostenibile ed Esg. Il valore della certificazione ambientale / Sesg Real Estate and the impact of green building certification
Il Real Estate sostenibile e rispettoso dei fattori Esg (Sesg) presenta un grande interesse per gli investitori e per i policy-maker. La grande attenzione degli investitori ha indotto le società di rating a introdurre rating Esg, e questo spinge tutti gli operatori del settore a meglio comprendere i trade-off tra ricavi e costi della implementazione di azioni che soddisfino i criteri Esg. Dopo una rassegna delle applicazioni del tema Esg al Real Estate, introduciamo una metodologia di simulazione Monte Carlo applicata a un progetto di investimento. Sulla base di una meta-analisi che raccoglie i risultati medi di 70 pubblicazioni sulle principali riviste del settore, consideriamo intervalli di impatto di sei indicatori rilevanti sulla valutazione degli investimenti e simuliamo per 5.000 volte l’intero business plan decennale del progetto. I risultati quantificano la crescita di valore attuale netto e il tasso interno di rendimento associati alla introduzione della certificazione ambientale, che sono sostanziali per il progetto considerato.

Sustainable and Esg-compliant Real Estate is of paramount importance to both investors and policy-makers. Investors interest has induced rating companies to introduce Esg rating in their product portfolio, and this is a strong motivation to Real Estate players to better understand the trade-off between Esg-induced revenues and Esg implementation costs. After a review of existing applications of Esg to the Real Estate sector, we present a Monte Carlo simulation methodology and apply it to a Real Estate investment project. Using the results of a meta-analysis covering the results of 70 academic papers published in the main international Real Estate journals, we consider impact ranges for six indicators that are highly relevant in investment valuation and simulate 5,000 times the ten year business plan of the project. The simulation results show the substantial increase in the net present value and internal rate of return associated to the presence of environmental certification.
SEMESTRALI ABI AL 30 GIUGNO 2020 - Indici
SEMESTRALI ABI AL 30 GIUGNO 2020 - Gruppi
SEMESTRALI ABI AL 30 GIUGNO 2020 - Banche



Ti potrebbe interessare anche