Banca universale o gruppo creditizio?


L'evoluzione dei modelli organizzativi delle banche in italia a confronto con Germania, Francia e Spagna

 

a cura di: Sergio De Angeli

Editore
Bancaria Editrice
Anno
2005
Pagine
228
ISBN
88-449-0670-8
Disponibilità
Disponibile
Prezzo Copertina € 20,00
IVA assolta dall'editore

Presentazione

L'evoluzione dei modelli organizzativi delle banche in italia a confronto con Germania, Francia e Spagna




 

Il sistema bancario italiano è stato oggetto, a partire dagli anni Novanta, di significativi cambiamenti che si sono riflessi sugli assetti istituzionali e sui modelli organizzativi adottati dagli intermediari finanziari, con effetti di rilievo sulle performance aziendali e sulla customer-relationship e, in termini più generali, sullo sviluppo economico del Paese.

Sul piano normativo, il processo di ristrutturazione ha preso consistenza con il Testo Unico del 1993, con cui le banche sono state liberate dalle rigidità della vecchia disciplina, potendo adottare qualsiasi profilo istituzionale-organizzativo, purché coerente con il rispetto della sana e prudente gestione.

Tale autonomia non ha tuttavia prodotto una proliferazione di modelli: l'esame dell'attuale morfologia del sistema bancario italiano mostra, infatti, la preferenza per il gruppo bancario, che si presenta comunque in continua evoluzione per la varietà di configurazioni assunte. Il modello di banca universale, invece, non ha trovato applicazione, nonostante importanti contributi teorici lo avessero giudicato superiore al gruppo bancario.

Le principali soluzioni organizzative scelte dalle banche sono analizzate nel volume, che approfondisce, in particolare:

  • i fattori di contesto e le variabili che influenzano le scelte organizzative, nonché gli aspetti di criticità e i potenziali vantaggi associati ai modelli di banca specializzata, banca universale e gruppo creditizio;
  • il ruolo della normativa nella definizione degli assetti organizzativi;
  • i sistemi creditizi di Germania, Francia e Spagna e i modelli organizzativi in essi operanti, con particolare attenzione al sistema tedesco, per la nascita, lo sviluppo e il declino del cosiddetto "modello renano", emblema della dicotomia tra banca universale e gruppo creditizio;
  • i recenti processi di ristrutturazione delle banche italiane, visti anche in prospettiva europea.

Il volume, in cui non mancano riferimenti e confronti con alcune realtà bancarie europee, affianca riflessione teorica e verifiche empiriche, effettuate attraverso analisi quali-quantitative basate su campioni rappresentativi di banche e gruppi bancari.

Presentazione di Sergio De Angeli
1. Le principali configurazioni organizzative degli intermediari bancari: elementi distintivi e profili di criticità
1.1 I fattori di contesto e le variabili cruciali nella scelta del modello organizzativo nelle imprese e nelle banche
1.2 Le scelte di specializzazione delle banche: caratteristiche distintive e peculiarità
1.3 Il modello organizzativo del network: obiettivi, potenzialità e aspetti di criticità
1.4 La banca universale: da soluzione organizzativa ottimale a modello in crisi?
1.5 Profili di analisi e assetti organizzativi dei gruppi bancari
1.5.1 I principali assetti organizzativi dei gruppi bancari
Bibliografia
2. Il ruolo della normativa nella definizione degli assetti organizzativi delle banche italiane: un'analisi critica
Saggio di Mariarosa Borroni
2.1 Dalla legge bancaria del 1936 agli anni Ottanta: oltre mezzo secolo di specializzazione
2.2 Le nuove sfide del mercato unico: la necessità di una revisione della normativa
2.3 Il Testo Unico in materia bancaria quale punto di partenza verso l'attuazione di un mercato unico del credito
2.4 La direttiva europea in materia di vigilanza sui conglomerati finanziari
Bibliografia
3. L'evoluzione del sistema bancario italiano e gli assetti organizzativi dei gruppi creditizi
Saggio di Federica Poli
3.1 Strategie di crescita e impatti organizzativi: alcune brevi considerazioni
3.2 Il processo di concentrazione del sistema bancario italiano: dimensioni e vie di realizzazione
3.3 L'internazionalizzazione del sistema bancario italiano
3.4 Linee evolutive degli assetti istituzionali e organizzativi degli intermediari bancari
3.4.1 Le tipologie prevalenti di gruppo
3.4.2 I gradi di specializzazione dei gruppi
3.4.3 Il ridisegno del modello organizzativo mediante la divisionalizzazione
3.4.4 La ridefinizione dei ruoli della holding
3.5 Alcune verifiche sulle performance dei modelli organizzativi dei gruppi
3.6 Bancassurance e modelli organizzativi: le alternative possibili
3.6.1 Le scelte organizzative nell'integrazione tra banche e assicurazioni
3.6.2 Lo sviluppo della bancassurance in un campione di gruppi bancari
Appendice
Bibliografia
4. Sistemi finanziari esteri e modelli organizzativi: il caso della Germania, della Spagna e della Francia
4.1 Premessa
4.2 La crisi del sistema finanziario tedesco e il ripensamento dell'attività bancaria in Germania: verso nuove forme organizzative?
4.2.1 Il sistema finanziario tedesco: da bank oriented a market oriented?
4.2.2 La struttura del sistema bancario: il Dreisäulensystem e le sue debolezze
4.2.3 Le banche commerciali private
4.2.4 Le casse di risparmio
4.2.5 Le banche cooperative
4.2.6 Alcuni dati di sintesi sul sistema bancario tedesco
4.2.7 La redditività del capitale nelle banche tedesche
4.3 Il sistema finanziario spagnolo: il complesso equilibrio tra mercato e potere locale
4.4 Il sistema finanziario francese: aspetti concorrenziali e organizzativi
Bibliografia
5. Il ruolo attuale e prospettico delle banche italiane nei processi di consolidamento cross-border
Saggio di Sergio De Angeli
Bibliografia
6. Considerazioni conclusive
Saggio di Sergio De Angeli