L’erogazione del credito ai piccoli operatori economici


In sintesi

Con questo corso il gestore del credito acquisisce gli strumenti per valutare e monitorare il credito concesso ai professionisti e alle imprese small business, che rappresentano il 90% del tessuto produttivo italiano.

Per diminuire il rischio, è importante saper ricostruire e interpretare il quadro informativo completo di queste attività economiche, spesso lacunoso e poco trasparente per l’assenza di bilancio e per la commistione tra gestione familiare e imprenditoriale.

Obiettivi

Il corso consente di acquisire le conoscenze utili a:

  • Valutare gli impatti delle politiche creditizie relativamente ai Piccoli Operatori Economici
  • Definire il merito creditizio di professionisti e piccoli imprenditori attraverso leve di valutazione quali/quantitative
  • Individuare gli elementi di criticità nella gestione del rapporto con i POE
  • Costruire indicatori di affidabilità per le imprese non soggette all’obbligo di bilancio
  • Illustrare lo schema per valutare in ottica prospettica le imprese senza bilancio con modalità AQR compliant
  • Trasferire all’analista del credito un set di competenze funzionale ad una efficace lettura e interpretazione dei modelli di dichiarazione fiscale del cliente da affidare, ricostruendone la solidità patrimoniale e la capacità finanziaria, la regolarità nei versamenti
Sede

Aula virtuale, attraverso piattaforma dedicata, con possibilità di interazione real time con i docenti

Anno
2020
Richiedi informazioni

Il contesto del mercato del credito retail in Italia

  • I soggetti interessati: lavoratori autonomi e piccoli imprenditori
  • Forme di impresa e modelli societari personalistici
  • Investimenti e fabbisogno finanziario in fase di avviamento e costituzione
  • Il credito retail in relazione all’attuale congiuntura economico/finanziaria
  • Le fonti informative e la verifica delle capacità dei soggetti

Le nuove leve di valutazione dei POE nell’ambito delle politiche creditizie

  • Il corretto ed essenziale utilizzo degli strumenti di analisi qualitativa
  • Da un’analisi time series ad un’analisi cross sectional
  • L’importanza dell’analisi prospettica: il ruolo crescente del business planning
  • Il ruolo crescente della valutazione dell’equilibrio finanziario ex post ed ex ante

Criteri di valutazione per professionisti e piccoli imprenditori

  • Differenze valutative per lavoratori dipendenti, autonomi e piccoli imprenditori
  • I documenti da richiedere e la verifica formale e sostanziale degli stessi
  • La verifica della situazione economica e patrimoniale del soggetto richiedente
  • La necessità di allargare la valutazione ai soggetti collegati

La valutazione degli elementi di sbarramento patrimoniale e la gestione delle garanzie

  • La valutazione della presenza di Fondi Patrimoniali, Trusts e degli altri regimi patrimoniali
  • La gestione e minimizzazione del conflitto di interesse tra i soggetti economici
  • Gli errori da evitare nell’acquisizione e gestione delle garanzie

Il credito alle imprese che non presentano bilancio

  • Come reperire le fonti informative per la valutazione di affidabilità
  • Il colloquio con il cliente e la definizione di una griglia di valutazione qualitativa
  • I regimi contabili adottati dalle imprese: contabilità ordinaria e semplificata
  • Il problema della contabilità per cassa dal 2017 per i soggetti in contabilità semplificata: le integrazioni informative necessarie
  • I libri obbligatori della contabilità semplificata: quali documenti chiedere e come trasformare tali informazioni in elementi utili ai fini patrimoniali ed economici
  • Ricostruire conto economico e stato patrimoniale per le società in contabilità semplificata: alcuni indicatori di bilancio utili per un giudizio sul cliente
  • La valutazione prospettica in ottica finanziaria AQR compliant:
    • Illustrazione dello schema per la quantificazione del cash flow operativo prospettico per i soggetti che non producono bilancio
    • Identificazione della sostenibilità del debito AQR compliant: come calcolare il DSCR prospettico in mancanza di bilancio

I modelli dichiarativi di lavoratori autonomi e ditte individuali e loro contributo alla valutazione del merito di credito

  • Struttura del Modello Unico e overview delle novità fiscali 2019 per questa categoria di contribuenti
  • La ricostruzione del patrimonio del cliente attraverso la lettura e interpretazione dei quadri dichiarativi del modello redditi PF (redditi fondiari, di capitale, di impresa, ecc.)
  • Criteri di determinazione del reddito e delle imposte e loro utilità nella ricostruzione della capacità economica e finanziaria del cliente
  • Lettura e interpretazione economico-finanziaria del quadro RU e RX su crediti concessi a favore delle imprese ed altri crediti: loro fruibilità
  • Oneri deducibili o detraibili: quali informazioni rintracciare e quale peso assegnare
  • Il collegamento tra dichiarazione dei redditi e dichiarazione iva: valutazioni economiche e finanziarie
  • Il “peso” dell’IRAP sul reddito dei lavoratori autonomi
  • Il peso della contribuzione previdenziale nei quadri RR e RP della dichiarazione PF
  • Alcune valutazioni sulle rateizzazioni e compensazioni di imposte e contributi

I modelli dichiarativi delle società di persone

  • Imputazione dei redditi delle società ai soci e sua interpretazione economico finanziaria
  • Le imposte proprie delle società di persone (IRAP e “trasparenza” IRPEF)
  • I collegamenti tra la dichiarazione redditi SP e i quadri delle dichiarazioni dei soci: valutazioni economiche e finanziarie (redditi, ritenute, detrazioni, ecc.)

Analisi di alcuni casi

Elisa Isacco
e.isacco@abiservizi.it
06.6767.517